BREXIT: Cosa cambia per le spedizioni

Oggi 31 Gennaio 2020 scadono i termini della Brexit.
L’UK esce dall’Unione Europea, cosa cambia nel mondo delle spedizioni?
 
Innanzitutto non si parlerà più di cessioni ne di acquisizioni di beni, bensì di Esportazioni e Importazioni che necessitano di adeguata documentazione doganale al fine di essere portate a termine.
 
Ecco cosa serve alle aziende registrate in UE per poter proseguire negli scambi commerciali con il Regno Unito.
 
Numero EORI
 
E’ l’acronimo di Economic Operator Registration and Identification number è un numero obbligatorio per importare ed esportare merci da/verso il Regno Unito.
E’ necessario richiedere un numero EORI se non si spediscono già merci al di fuori dell’UE. La registrazione EORI può essere effettuata tramite il sito web delle autorità doganali locali: https://www.adm.gov.it/portale/infobrexit (tempo stimato 3 gg.).
 
Codici di classificazione della merce: HS code
 
I codici HS, acronimo di Harmonised System, sono anche noti come codici merceologici. Questi codici consentono alle dogane di identificare il tipo di prodotto, l’IVA o l’aliquota del dazio applicabili al prodotto da esportare. Le merci non possono essere esportate o importate senza gli HS code che possono essere identificati collegandosi al sito: http://ec.europa.eu/taxation_customs.
 
Numero AEO del mittente
 
E’ l’acronimo di Authorized Economic Operator ed identifica un codice, non obbligatorio ai fini dell’espletamento delle pratiche doganali, che permette di renderle più semplici e veloci. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito dell’agenzia delle dogane: https://www.adm.gov.it/portale/it/dogane/operatore/operatore-economico-autorizzato-aeo/conosci-aeo.
 
Numero HMRC
 
Per spedizioni di valore compreso fino a 135 sterline, l’amministrazione britannica ha reso obbligatorio il pagamento dell’IVA da parte dell’azienda esportatrice. Quest’ultima, indipendentemente dal destinatario (azienda e/o privato) e dall’Incoterm della spedizione, dovrà registrarsi online presso l’HMRC (Her Majesty’s Revenue and Customs) e scegliere la modalità e il periodo di pagamento. La registrazione, da effettuarsi una sola volta, rilascia un numero identificativo che dovrà essere inserito tassativamente in ogni fattura di importo inferiore a 135 sterline.
 
Per maggiori dettagli: